A Catania splende sempre il sole
geniochiara@gmail.com

Finanziamento a medio termine: ATTENZIONE TRUFFA

Arrotondare online

Finanziamento a medio termine: ATTENZIONE TRUFFA

finanziamento PMI truffa

Finanziamento a medio termine? State attenti alle truffe!

In questi giorni siamo stati contattati via Email da un certo Alberto Conti, che attraverso una pec ci segnala il Fondo di garanzia per le PMI. La mail comincia così:

LA PRIMA EMAIL

Su iniziativa del Ministero dello Sviluppo E conomico, nella Legge di Bilancio, è stato rifinanziato il Fondo di Garanzia  per tutto il 2020 tramite l’intervento della Banca Centrale Europea che, attraverso la cabina di regia del gruppo BNP-PARIBAS,  può offrire la concreta possibilità di ottenere all’imprenditoria italiana finanziamenti senza garanzie aggiuntive sugli importi garantiti dal Fondo. Dal   20 Gennaio di quest’ anno è partita una sezione speciale del Fondo di garanzia per le PMI interamente dedicata al rifinanziamento della PMI. Il Fondo, che aiuta le imprese che hanno difficoltà a trovare le garanzie adatte per l’accesso al credito e che è molto utilizzato dalle piccole e medie realtà imprenditoriali, aggiunge un tassello a sostegno della crescita e della ripresa dell’economia italiana.   

Continua indicando la procedura per richiedere i fondi da 50 mila a 500 mila senza garanzie con tasso agevolato 0,6%: link, modulo, informazioni legali. Fin qui nulla di strano tranne questa sezione:

Non sono previsti costi di procedura. In alcuni casi, ove venga valutato che l’imprenditore svolge un ruolo chiave nella gestione dell’Impresa, può essere richiesta l’adesione ad una polizza collettiva  che prevede il pagamento di un premio unico valido per tutta la durata del finanziamento pari al 1,4% dell’importo finanziato, che garanisce il pagamento, da parte della compagnia assicuratrice, del debito residuo in caso di impossibilità da parte dell’ Impresa contraente alla pagamento delle rate residue del finanziamento a causa di infortunio, malattia o morte del sottoscrittore. 

Noi abbiamo avviato la procedura. La nostra richiesta è stata ovviamente accettata. Arriva una seconda Email dove è richiesto contatto con il consulente per un incontro informativo presso la nostra sede.

LA TRUFFA

Ho provato a contattare il signor Alberto Conti: invece di rispondere, mi invia un sms dove richiede la denominazione della società per quale si è fatta richiesta. Allego foto.

Una volta indicata la ragione sociale arriva un’altra email sottoforma di PEC dove vengono indicate le informazioni generiche della società assicurativa da stipulare per sbloccare i fondi erogati. Il gioco continua così con altri messaggi scritti dove infine arriviamo alla fatidica richiesta di un pagamento di 700 euro come premio assicurativo, copertura della prima rata assicurativa ai fini di verifica. Fin qui eravamo titubanti ma vedendo l’iban dove effettuare il bonifico i dubbi sono diventati certezze: Il signor Conti vi chiederà di inviare il bonifico in Lituania o Lettonia ad una società con indirizzo estero.

LA CONFERMA UFFICIALE

Abbiamo immediatamento scritto una Email alla BNP e ad Artigiancassa. La risposta è immediata e univoca:

“Spett.le impresa,

in relazione alla comunicazione da lei ricevuta, trattasi di azione ingannevole a cui Artigiancassa è del tutto estranea e di cui è stata già informata l’Autorità Giudiziaria competente.

La invitiamo pertanto a diffidare di tutto quanto ivi contenuto e a non considerare attendibile qualsivoglia riferimento indicato.

Con l’occasione le indichiamo il sito ufficiale del Fondo di garanzia per le PMI su cui  potrà trovare tutte le informazioni utili https://www.fondidigaranzia.it/ e rammentiamo che l’unico indirizzo pec ufficiale della società è artigiancassa@legalmail.it .

Distinti saluti

Spett.le Società,

la presente per informarvi dell’estraneità della scrivente alla proposta da voi ricevuta.

Da tempo riceviamo segnalazioni in tal senso e abbiamo provveduto ad attivare le tutele legali del caso.

Cordiali saluti.

BNP PARIBAS, succursale Italia
legal-bpsa@pec.bnpparibas.it

CONCLUSIONI

Se ricevete una Email PEC da:
nome: Alberto Conti,
numero di telefono: 351 1125426
email: bnpparibas@pec.it / posta-certificata@pec.aruba.it
Intitolato: Finanziamento a medio termine – Fondo di garanzia

Lasciate perdere, è una truffa, alla fine della procedura vi verrà chiesto il pagamento di una polizza assicurativa con Allianz S.p.a. con un premio unico di euro 700,00 da versare con bonifico bancario sul conto:

IBAN: LT 833500010007718769
Swift: EVIULT21XXX – Paysera Bank
Beneficiario: ALLIANZ CORP LTD –
196 High Road, Wood Green, N22 8HH London, UK.

Segnalatela alle autorità competenti!

 

3 risposte

  1. Vito Onofrio Giardinelli ha detto:

    Ho fiutato la truffa ed ho cercato al nome di Alberto Conti sul Web, scoprendo tutto. Per fortuna non ci sono cascato!

  2. Antonio Campagna ha detto:

    Ora si fa chiamare Augusto Lupo.
    Ma la truffa è la medesima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *